Archivio 2011-2016

Tabulas - Manlio Cammmarata progetti editoriali


Blog e altro di Manlio Cammarata

Manlio Cammarata progetti editoriali
Lo Zen e l'arte dell'edizione degli ebook
Fare libri elettronici è un mestiere nuovo, anzi antico
Il senso di questo sito

Su di me,
se ti interessa conoscermi
Tutti i miei libri
su carta o in ebook
(1987-2015)

In primo piano
Blog
Self-publishing
Piccolo manuale della buona scrittura
Libri e-libri
Recensioni in 2000 battute
Lingua lessa e cervello fritto
Tabulae del terzo millennio
InterLex Newsletter
Normativa sull'editoria
Indice storico
Contatti
Informazioni su Tabulas
 

 

BLOG 2014 - 2016

Blog 2011-2013    Indice dei post

 

La guerra contro i libri liquidi non è cessata

Piero Borelli - 14.12.16
“Ma la guerra contro i libri liquidi non è cessata: ancora nello scorso mese di settembre l’avvocato generale della Corte di giustizia europea Juliane Kokott sosteneva che un ebook non è un libro, ma un "servizio" e quindi non può godere dell'IVA agevolata prevista per il libri stampati.” (Il libro in formato elettronico è ancora un corpo estraneo, 12 dicembre 2016).
Voglio essere provocatorio e dichiararmi d’accordo con Kokott. Non solo è inteso come un servizio dagli editori, ma è pure un pessimo servizio. 
Non uso per scelta lettori specializzati degli ebook in quanto ritengo che la caratteristica, almeno per me, che mi fa apprezzare gli ebook, sia quella della “leggerezza” e dal poterli stivare in numero considerevole su un unico “oggetto”, richiamarli alla bisogna, ecc… Andare in giro con un tablet, un lettore di ebook e un computer rende praticamente nulla la “leggerezza” del potersi portar dietro un unico oggetto. Concordo, non pienamente ma sufficientemente comprensivo di una serie di funzioni più che minime, magari con la possibilità di collegarsi a cloud storage (es OneDrive da 1TB). Certo c’è la questione della sicurezza tra cracker e spioni (NSA insegna) ma questo problema vale per tutto. È poi è da pirla affidare segreti al digitale. 
Passiamo agli ebook. Utilizzo per leggerli sia il software kobo, tolino (IBS) che Digital Editions, e Bluefire Reader.
Tutti hanno una pessima impaginazione del testo e una sfiducia inveterata nell’onesta di chi ha acquistato i libri. Fin ora ho resistito alla tentazione di rendere loro pan per focaccia e di sproteggere i loro volumi. Quello che da più fastidio oltre alla già menzionata pessima impaginazione, è che malgrado averli acquistati gli editori considerino i volumi ancora di loro proprietà. Nessun autore o editore si sognerebbe di venire a controllare cosa ne faccio dei loro volumi cartacei dopo averli acquistati. Li conservo, li butto, li regalo, li presto. E affar mio, lo stesso dovrebbe essere per gli ebook e non lo è, e fino a quando non lo sarà non sono libri (una forma di libro) ma solo e soltanto dei pessimi servizi.
Perché li acquisto? Perché non posso portarmi dietro una mole considerevole dei miei autori e dei miei libri preferiti. Oltre a questo, ed è un fatto che pesa, non c’è altro vantaggio.
Forse il giudizio è eccessivo ma sono nati, per pigrizia, ignoranza, ed ingordigia, già morti.
Piero Borelli
PS: a quando una nuova avventura del colonnello Rey?

Sì, dà proprio fastidio pensare che gli ebook che acquistiamo non sono "nostri". E' una questione giuridica piuttosto complessa e la affronteremo presto.
La nuova avventura del colonnello Rey è pronta da un pezzo, ma non trova un editore serio (vedi La Libia, la politica italiana e il colonnello ReyQuando questo romanzo verrà pubblicato?, qui sotto). Un altro problema che avrà sviluppi su queste pagine.

Per dire la tua su questo argomento, vai alla pagina dei contatti di InterLex

Buone letture: i libri del 2016 preferiti da Bill Gates

07.12.16
Bill Gates, il fondatore di Microsoft, non si occupa più dell'azienda. Fa altre cose e, fra l'altro, legge. E' interessante questo articolo in cui parla dei libri che ha letto nel 2016 e che gli sono piaciuti di più.
Per dire la tua su questo argomento, vai alla pagina dei contatti di InterLex

IVA al 4% sugli ebook: è solo un "impegno" della Commissione UE

05.12.16
La notizia riportata da molti siti  non è esatta: l'Unione europea non ha ancora deciso di consentire l'equiparazione dell'IVA sugli ebook a quella sui libri stampati. Si tratta solo di un "impegno" (pledge) della Commissione dei Bruxelles, come si può leggere sul comunicato stampa. e sul sito della stessa Commissione. La proposta, che riguarda tutto il regime dell'imposta sul valore aggiunto nell'Unione, dovrà percorrere il lungo iter delle direttive comunitarie.
In ogni caso si tratta di un'iniziativa tanto attesa quanto ovvia. Ma non scontata: ancora all'inizio dello scorso settembre, l’avvocato generale della Corte di giustizia europea Juliane Kokott sosteneva che non è vero che "un libro è un libro", ma che un ebook è un "servizio" e quindi non può godere dell'IVA agevolata prevista per il libri stampati.
Ora, anche nelle more dell'approvazione del provvedimento, l'Italia può dormire sonni tranquilli, con l'IVA al 4% introdotta all'inizio del 2015 grazie all'impegno del ministro Franceschini.
Anche se...L'IVA al 4 per cento non serve a promuovere l'ebook
Per dire la tua su questo argomento, vai alla pagina dei contatti di InterLex

Guadagnano solo i distributori di ebook

Giovanni Calesini - 05.09.16
Concordo almeno in parte con Lei.
a) Gli editori vedono mal volentieri gli ebook che sono facilmente riproducibili (i DRM sono un'assurdità) e sono (erano) soggetti a IVA 22 %
b) E' impossibile studiare a video (PC, Ebook reader o kindle). Per strutturare l'ebook in modo interattivo occorre dare una formazione digitale agli autori, il che, specie in ambito universitario umanistico, è ancora un'utopia. In alternativa occorrono investimenti per creare nuove figure di tecnici da affiancare agli autori. A questi ultimi manca spesso l'umiltà necessaria
c) E' invece agevole la lettura di testi sequenziali (romanzi ecc..)
d) Peraltro gli editori non capiscono che il DRM avrebbe senso (se funzionasse) sui manuali di studio, in quanto gli studenti ovviamente se li scambiano. Invece sono solo ostacoli alla diffusione in digitale di romanzi, racconti ecc. In quest'ambito i gusti dei lettori sono talmente diversi che gli scambi (numerosi) sono improbabili.
f) Da una ricerca spannometrica (un tanto al chilo) sembra che gli unici ad avere un ricavo significativo siano i distributori di ebook, che riescono a distribuire anche poche copie per ogni titolo, ma operano su un'infinità di titoli ed editori. Anche un titolo per editore al mese può consentir loro di sopravvivere.
Cordialmente
giovanni 
Per dire la tua su questo argomento, vai alla pagina dei contatti di InterLex

L'ebook, una scoperta eccezionale

feanor - 05.09.16
Per me l'ebook è stata una scoperta eccezionale, una vera svolta.
Scelta dei caratteri, interlinea, intere biblioteche sempre a disposizione, crollo delle spesa per la cultura (sapendo cercare, ovviamente), collegamento ipertestuale con dizionari in diverse lingue e vocabolari in lingua originale (vedete voi se questa non può considerarsi una rivoluzione, un abbattimento dei tempi di ricerca impensabile fino a qualche tempo prima), implementato con la connessione non solo è ben diverso da un libro cartaceo, ma è come paragonare un'affascinante Ford degli anni Venti con la più pezzente delle auto moderne.
Vedete, secondo me, non si dovrebbe confondere il fascino con l'utilità: altrimenti torniamo a scrivere in greco con il nero di seppia sulla pelle d'agnello, e stop! Poi, però, non lamentiamoci se un libro costa quanto un piccolo alloggio.
Nota dolente, di certo, sono i prezzi. La politica delle grandi case è chiara: con prezzi assurdamente alti se gira ci straguadagnamo, se non gira abbiamo il cartaceo sul quale abbiamo di fatto il monopolio inattaccabile. Cartaceo sul quale si punta, certo per convenienza, ma, purtroppo, anche tanto per abitudine.
Il rifiuto della modernità sta diventando un tarlo della nostra società in molti campi, dalla medicina , all'industria, alla scienza,certo non ne è privo un settore come l'editoria.
Possono dire e tirare i dati che vogliono: io vado in giro e di e-reader ce ne sono sempre di più, i giovani leggiucchiano qualche decimale in più e lo fanno perché possono permetterselo su un cellulare o una " tavoletta ", sia in termini di tempo, gestibilità fisica, che di grano. Amazon sbaglia a non dare i dati, come purtroppo si sbaglia a non censire la materia oscura delle edizioni elettroniche " diversamente esistenti "perché prive di ISBN. La verità è che questo fenomeno,da alcune teste d'uovo già esso in dubbio, è appena, appena all'inizio, nemmeno all'alba, con potenzialità enormi. L'unica cosa davvero triste è che con certi poteri o formepoteri, una Silicon Valley sarebbe morta prima di nascere, per fortuna esiste un mondo
o fuori dall'Italia e ... fuori dall'Europa, ormai. 
Per dire la tua su questo argomento, vai alla pagina dei contatti di InterLex

Quando questo romanzo verrà pubblicato?

Giorgio Mario Orlando (su Facebook) 30.08.16
Non conosco personalmente il col. Rey ma concordo con quando dice avendo trascorso buona parte della mia vita nel settore delle Forze Speciali della Marina Militare. A proposito sono convinto che nell'ambito della ANAIM (Associazione Nazionale Arditi Incursori Marina) molti sarebbero interessati a leggere un romanzo molto attuale visto l'interesse nazionale in Libia ed alla luce dell'impiego degli Incursori a fianco dell'intelligence italiana. Saremmo quindi interessati ad essere informati quando questo romanzo verrà pubblicato. Grazie
Giorgio Mario Orlando

Anche a me piacerebbe sapere quando il romanzo verrà pubblicato. E da quale editore.

Per dire la tua su questo argomento, vai alla pagina dei contatti di InterLex

Quando leggo che non si legge mi si legge in faccia...

Francesco Canepa 16.06.16
Carissimo Manlio,
quando leggo che non si legge mi si legge in faccia un pò di diffidenza: ma com'è che le biblioteche comunali di Roma (tipo quella di via della Gatta al Collegio Romano, dove passo spesso) sono sempre piene? Non è che - visti i prezzi, purtroppo pesantini per molte persone - si legge (o ci si fa prestare ) il libro colà? 
Non so se c'è modo di attingere a quei dati, ma sarebbe interessante: in fondo l'ignorantezza non è poi così diffusa in Italia !
Francesco TrecCanepa

Carissimo Francesco,
che in Italia si legga poco è certificato dai numeri, purtroppo: quelli degli editori e quelli dell'ISTAT. Le biblioteche (non tutte) sono affollate, forse perché ce ne sono troppo poche. Poi dovremmo chiederci quanti vanno in biblioteca per il piacere di leggere e quanti perché devono farlo, per motivi di studio o di lavoro. E' una ricerca facile da svolgere, anche "a occhio". L'ignorantezza più o meno diffusa è un'altra storia...

Per dire la tua su questo argomento, vai alla pagina dei contatti di InterLex

La giornata mondiale del libro, purché sia di carta

24.04.15
Ieri, 23 aprile, è stata celebrata la giornata mondiale del libro. La mia allergia alle feste comandate e ai riti inutili mi ha trattenuto da parlarne prima o durante. Ma, a festa finita, un commento si impone.
L'annuale ricorrenza istituita dall'UNESCO nel 1995 è come la festa della mamma, del papà, del nonno, della donna, degli innamorati, dello speck e del calzino spaiato: una giornata in cui la gente normale fa la sua vita normale e i media parlano tutti della stessa cosa. Ma non si regalano rose per la giornata del libro. E neanche libri, per quanto mi risulta. Però quest'anno gli editori italiani hanno disseminato per la Penisola 240.000 libri: una iniziativa intelligente e con un bel ritorno di immagine.
Ma da qui a far crescere il numero dei lettori italiani... Impresa forse impossibile, se si continua a parlare dei libri come pacchi di carta.
Rai 3 ha dedicato alla giornata del libro, di carta, tutta la serata, con un'interminabile sfilata di personaggi. Pochi dei quali hanno detto cose intelligenti. Neri Marcorè si è prodotto nell'ormai stantia gag della tecnologia del libro stampato. Persino Beppe Severgnini ha perso un colpo, quando ha detto che lo smartphone è nemico della lettura: per molti è un utile supporto anche per i libri.
Molto più interessante la mezz'ora di Rai 5 condotta da Giorgio Zanchini in prima serata, nella quale si è parlato del rapporto tra cinema e letteratura. Ma lo share del canale è zerovirgola...
A un certo punto ho spento Rai 3 e mi sono messo a leggere un libro. Un buon libro. Convinto, ancora una volta, che c'è un solo modo di indurre gli italiani alla lettura: pubblicare buoni libri.  E pubblicarli su supporti che la gente usa tutti i giorni, oltre che sugli antichi e maleodoranti pacchi di carta.
Per dire la tua su questo argomento, vai alla pagina dei contatti di InterLex

Se Mondadori compera Rizzoli, il risultato è il PDL

07.03.15
Ovvero Polo Del Libro. Non so chi abbia coniato il calembour, ma è senza dubbio un'immagine efficace. Il marchio che fa capo al gruppo Fininvest avrebbe il 40 per cento del mercato dei libri, con il 70 per cento dei tascabili.
Mondadori significa, fra l'altro, Einaudi, Piemme, Sperling&Kufper, Mondadori Education e Mondadori Electa, mentre Rizzoli significa anche Bompiani, Marsilio, Adelphi, Fabbri, Bur, Sonzogno... In poche parole, quasi tutti i marchi nobili dell'editoria italiana.
Nei due decenni appena trascorsi il gruppo dell'ex-cavaliere ha dominato una parte della cultura italiana attraverso "Raiset", ovvero il mono-duopolio Rai-Mediaset. Ora c'è il rischio che la stessa situazione si verifichi con i libri.
Ma il punto è anche capire "quali" libri.  Condivido quello che ha scritto Giovanni De Mauro, direttore di Internazionale: "Servirebbe un progetto, che forse manca. D’altra parte anche gli appelli indignati e la resistenza ostinata a qualunque modifica dello status quo hanno il limite di non offrire una possibile soluzione a quella che resta una questione irrisolta: come continuare a fare libri che le persone abbiano voglia di leggere".
Per dire la tua su questo argomento, vai alla pagina dei contatti di InterLex

Tutto Terzani "a partire da 2,99 euro". A partire, appunto...

07.03.15
Sarebbe bello se fosse vero: tutti i libri di Tiziano Terzani, in ebook al prezzo giusto. Li comprerei subito, anche quelli che ho nell'edizione di carta. Ma c'è il solito trucco, quelle tre paroline "a partire da" che attirano l'interesse. Infatti sui negozi on line ci sono undici ebook di Terzani in italiano, a prezzi che vanno da 2,99 a ben 5,99 euro (il prezzo medio è 4,17 euro). E non sono "tutti": alcuni si possono acquistare solo di carta.
Perché queste differenze, se il costo (irrisorio) di produzione di un ebook di narrativa è praticamente lo stesso, per qualsiasi lunghezza del testo? Ancora una volta chiedo perché gli editori non vogliono vendere gli ebook. Il libri di Terzani sono un prodotto che si vende da solo, che si compera a occhi chiusi. Con gli ebook non c'è nessun problema di tiratura o di "resi". Tutti a 1,99 euro sarebbero un successo e il guadagno sarebbe assicurato.
Per dire la tua su questo argomento, vai alla pagina dei contatti di InterLex

IVA al 4 per cento sugli ebook? Sarebbe bello se fosse vero

21.11.14
C'è già che esulta e chi parla di giornata storica. Calma, ragazzi. E' vero che l'emendamento del Governo è stato approvato dalla Commissione bilancio della Camera, però la proposta dovrà passare l'esame dell'Aula e poi andare al Senato. Ma prima, martedì prossimo, dovrà pronunciarsi il Consiglio Cultura della UE. Ed è molto probabile che dica un altro "no", come è stato anticipato nella riunione preparatoria che il Coreper ha tenuto 17 scorso.
Dunque incrociamo le dita, diciamo un convinto "bravo" al ministro Franceschini (solo insieme alla Francia contro i burocrati di Bruxelles) e aderiamo alla campagna Un libro è un libro, promossa dall'Associazione italiana degli editori (AIE).
Per dire la tua su questo argomento, vai alla pagina dei contatti di InterLex

«Amazon distruggerà i libri». E gli agenti letterari?

14.10.14
Su Repubblica di oggi, edizione di Torino, leggo: "Il più importante agente letterario al mondo, l'americano Andrew Wylie, lancia dalla Scuola Holden di Torino un grido d'allarme: il mondo intero stia attento ad Amazon, e faccia regole adeguate a difesa dei libri, altrimenti i libri moriranno".
Aggiunge Wylie "Il problema principale è che Amazon ridurrà gradualmente il prezzo dei libri da 9.99 a 0.99 dollari. Sta cercando di seguire il modello di Apple. Se gli editori non si opporranno, verranno distrutti, e con essi gli scrittori e la cultura stessa". Naturalmente l'agente letterario invoca leggi - impossibili e/o inutili - per evitare questa calamità.
Si prega di informare Mr Wylie che oggi gli editori musicali vivono anche grazie a iTunes, cioè Apple. Non è iTunes che ha "distrutto" il mercato dei dischi e dei CD, ma l'evoluzione delle tecnologie.
Se Amazon distruggerà i libri (di carta), probabilmente anche gli agenti letterari avranno qualche problema. Se questo sarà un danno per la cultura può essere materia di discussione.
Per dire la tua su questo argomento, vai alla pagina dei contatti di InterLex

E' possibile avere una recensione? Forse non è il caso...

08.09.14
Ricevo una email, una delle tante di questo tipo, firmata con un evidente pseudonimo. Chiede: "è possibile avere una recensione dell'ebook di cui vi invio link di seguito?"
Clicco e leggo la presentazione del libro. E' scritta in un italiano dissestato. C'è persino una virgola tra soggetto e complemento. Per curiosità, vado a vedere il sito dell'editore. La presentazione incomincia con un fastidioso anacoluto e finisce con un refuso molto evidente. In mezzo c'è scritto anche "La qualità è fondamentale in qualsiasi cosa si faccia".
Appunto.
Per dire la tua su questo argomento, vai alla pagina dei contatti di InterLex

Le statistiche non danno elementi per valutare il mercato degli ebook

Andrea Monti - 01.08.14
I dati resi noti dalla FEP sono relativamente interessanti perché non danno le informazioni realmente necessarie per valutare l'evoluzione del mercato e-book in Europa e in Italia. I valori aggregati, infatti, dicono poco o nulla sul reale impatto della concorrenza fra e-book e libri di carta.
Innanzi tutto, sarebbe utile incrociare le vendite per nazione con la lingua dell'e-book. Poi sarebbe utile segmentare questi dati in funzione del "genere", delle traduzioni e dei tempi che intercorrono fra la pubblicazione di un testo in una certa lingua e la traduzione in altre lingue.
Se questi dati fossero disponibili si potrebbe avere uno spaccato molto più attendibile della reale diffusione degli e-book. In loro assenza è solo possibile ipotizzare che i libri liquidi scritti (o tradotti) in inglese abbiamo una diffusione transnazionale molto più consistente di quelli scritti in italiano, e che quindi le percentuali di crescita di questo mercato siano ben più elevate di quelle dichiarate dalla FEP. Ma se questa assunzione è corretta, la maggiore diffusione degli e-book in inglese rispetto a quelli italiani non dipende solo e tanto dalla maggior base di lettori, ma dalla qualità di quello che viene pubblicato.
Andrea Monti
Per dire la tua su questo argomento, vai alla pagina dei contatti di InterLex

Gli inquirenti seguono la pista letteraria

26.05.14
C'è un tale Alberth Mayhem (fantastica la "h" alla fine del nome!), al secolo Alberto Misano, che bombarda a tappeto le redazioni con comunicati inneggianti al successo planetario di un suo thriller autopubblicato. Fin qui è normale: è solo il più insistente dei tanti self-publisher che sperano di essere citati per i comunicati stampa invece che per quello che hanno scritto.
Questa volta, però, la citazione del comunicato è dovuta: racconta come e qualmente  il Nostro abbia trovato una testa di maiale sanguinante attaccata alla porta di casa. Fatto singolare, in un posto tranquillo come Cividale del Friuli. La notizia interessante è che i Carabinieri indagano seguendo non solo una possibile pista politica, ma anche la pista letteraria. A qualcuno non è piaciuto il libro?
Per dire la tua su questo argomento, vai alla pagina dei contatti di InterLex

Le donne preferiscono l'ebook? Bella domanda...

07.04.14

La risposta la sapremo il 5 maggio prossimo al Teatro Testaccio di Roma, alle 18. Saranno presenti esperti della carta e del digitale: tra gli altri Raffaello Avanzini di Newton Compton, Antonio Tombolini di Narcissus, Emanuele Properzi di ScrittoreVincente. E, naturalmente, tante donne lettrici "forti", tra le quali Alessandra Oddi Baglioni con il suo Noi ancora una volta.
L'incontro sarà trasmesso anche in diretta streaming da qui.
Per dire la tua su questo argomento, vai alla pagina dei contatti di InterLex

La politica suicida dei prezzi degli ebook

Pietro B. - 18.03.14

(Vedi L'ebook deve costare come un libro o come un'app?)

Gli ebook, parlo delle novità, andrebbero venduti al giusto prezzo che non può essere quello dell'attuale trend di venderli a 9,99 euro indipendentemente dal prezzo della versione cartacea promozioni a parte. E' una cosa assurda, ci sono titoli cartacei di 30,00 euro venduti in ebook a 9,99 e titoli cartacei di 12,90 euro venduti in ebook sempre a 9,99 euro.
Ridicolo! Considero assurdo l'attuale politica dei prezzi per non dire suicida e gravemente favoritrice della pirateria. Ora se debbano costare come una app non saprei...di sicuro una percentuale bassa rispetto alla versione cartacea e meno folle dell'attuale "prezzo fisso". Buon Blog, Pietro B.

Per dire la tua su questo argomento, vai alla pagina dei contatti di InterLex

Aspettando un'altra storia del colonnello Rey

17.03.14

Non conosco Marco Esposito, che su Amazon ha dato 5 stelle a Il colonnello Rey, suppongo. Ma spero che legga questo ringraziamento alla sua micro-recensione. E anche la risposta alla sua curiosità, la stessa di Guido Mattioni: sì, ci sarà una seconda storia del colonnello Rey. Quando? Non tanto presto, ma ci sto lavorando...
Per dire la tua su questo argomento, vai alla pagina dei contatti di InterLex

Premi letterari: ora tocca al self-publishing. La qualità?

20.01.14

Amazon, 20lines e Rizzoli lanciano il primo premio letterario italiano per il self-publishing elettronico. Si chiama "BigJump", cioè "grande salto", titolo ambizioso quanto "Masterpiece". Però Rizzoli è prudente e non dichiara quante copie stamperà del romanzo vincitore.
Sotto qualche punto di vista è una buona notizia. Sembra indicare che sta per finire la chiusura degli editori italiani nei confronti dei libri in formato elettronico e anche che Amazon non è più "il nemico" da battere.
Il meccanismo del concorso è il più ovvio: la giuria è il Web, con un peso particolare per 20lines, che è un'isola di appassionati del grande mare della Rete.
Ma è necessario porsi una domanda: è in grado la Rete di valutare la qualità letteraria di un libro? Dalle esperienze fatte fino a oggi sembra di no. Il successo di un ebook autopubblicato dipende soprattutto dall'abilità dell'autore - o di chi per lui - di manovrare i social network. In qualche caso - vedi le "sfumature" - il successo di una storia ha radici che non hanno niente a che fare con la letteratura.
Insomma, non c'è ancora traccia di una ricerca della qualità letteraria di un libro autopubblicato. Ma è di questa ricerca che abbiamo bisogno, se non vogliamo che il self-publishing si risolva in una alluvione di testi mediocri (nella migliore delle ipotesi), dove sia impossibile riconoscere opere di valore.
Per dire la tua su questo argomento, vai alla pagina dei contatti di InterLex

Indice dei post    Home

© Manlio Cammarata 2014-2016

  Informazioni di legge

Come leggere gli ebook
anche senza un e-reader
Manlio Cammarata - Un doppio enigma, colonnello Rey
Un omicidio in una stanza chiusa. Una storia di spie, traditori e codici segreti. 
Leggi tutto
Le recensioni
ebook  € 2,99 - Acquistalo
Il colonnello Rey - Facebook
Manlio Cammarata - Il colonnello Rey, suppongo
Un giornalista che scompare.
Una "talpa" nel Palazzo.
Un agente segreto senza pistola. 
Leggi tutto
Le recensioni
ebook  € 2,99 - Acquistalo
Manlio Cammarata - Libri liquidi
Dall'edizione di carta al self-publishing elettronico: storia, tecnica e pratica del nuovo modo di leggere, di scrivere e di pubblicare.
Leggi tutto
Le recensioni
ebook € 1,99 - Acquistalo