Archivio 2011-2016

Tabulas - Manlio Cammmarata progetti editoriali


Blog e altro di Manlio Cammarata

Manlio Cammarata progetti editoriali
Lo Zen e l'arte dell'edizione degli ebook
Fare libri elettronici è un mestiere nuovo, anzi antico
Il senso di questo sito

Su di me,
se ti interessa conoscermi
Tutti i miei libri
su carta o in ebook
(1987-2015)

In primo piano
Blog
Self-publishing
Piccolo manuale della buona scrittura
Libri e-libri
Recensioni in 2000 battute
Lingua lessa e cervello fritto
Tabulae del terzo millennio
InterLex Newsletter
Normativa sull'editoria
Indice storico
Contatti
Informazioni su Tabulas
 

 

Nessun vantaggio per i lettori, la differenza la intascano gli editori

L'IVA al 4 per cento non serve a promuovere l'ebook

In primo piano - 7 gennaio 2015
Non ho cantato inni di vittoria. Quando è passata la legge non ho ripetuto la notizia che era su tutta l'internet italiana. Prima volevo verificare se il prezzo degli ebook sarebbe sceso dal 1. gennaio. Non è calato neanche di un centesimo.

In sostanza, e come era facile prevedere, la gloriosa campagna "Un libro è un libro", promossa dagli editori italiani e sostenuta dal ministro dei Beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini, ha avuto un solo risultato: far intascare agli editori una cifra che supera i 7,2 milioni di euro, per l'anno appena incominciato .

Attenzione: 7,2 milioni di euro sono il minore introito per l'erario stimato dal Governo in seguito alla diminuzione dell'imposta dal 22 a 4 per cento, calcolato sulle vendite del 2013. Ma il mercato di libri in formato elettronico è sempre in crescita e quindi il maggior guadagno che gli editori registreranno nel 2015 sarà ben più alto, come vedremo tra poco.

Chi paga? Noi cittadini-lettori, naturalmente, perché la "perdita" per le casse dello Stato è compensata da tagli vari della spesa pubblica. E sono sempre soldi nostri.
Intendiamoci: l'equiparazione dell'IVA "agevolata" su tutto ciò che può essere considerato "libro" è una misura di buon senso, con buona pace degli eurocrati che non sanno distinguere un libro da un tostapane o da un biglietto aereo.

Ma è difficile nascondere la delusione, se pensiamo che la campagna  è stata condotta dagli editori con notevoli mezzi e grande abilità di comunicazione, all'insegna della promozione della lettura, della conoscenza e della diffusione della cultura. Invece si risolve in un passaggio di milioni di euro dalle tasche dei lettori a quelle degli editori.
Editori che non se la passano bene, lo sappiamo, e che da questa operazione trarranno una "boccata d'ossigeno" che non cambierà la situazione.

Al mercato editoriale italiano serve molto più di una boccata di ossigeno. I numeri del rapporto AIE dello scorso ottobre (qui la sintesi) sono quelli di un tracollo. Si legge:

Nel 2013 si restringe del 6,1% il bacino dei lettori, si ridimensiona il mercato (-4,7%), si registra un andamento negativo – per la prima volta – nel numero di titoli pubblicati (-4,1%); diminuiscono le copie vendute (-2,3%) e parallelamente calano i prezzi di copertina, sia dei libri di carta (-5,1%) che degli ebook (-20,8%, al netto dell’Iva).

Però c'è qualcosa che cresce: gli ebook. E sono numeri interessanti:

Se da una parte si conferma la tendenza a ridurre la produzione di titoli, dall’altra risulta evidente la crescita di titoli in formato ebook: +86,9% nel confronto tra gennaio-maggio di quest’anno e il corrispondente periodo 2013. Cresce anche la quota di mercato degli ebook sul mercato complessivo del libro: tra i gruppi editoriali maggiori la quota che ne deriva si colloca ormai tra il 5% e il 7% (stima sul semestre 2014 – solo per i grandi gruppi).

Questi sono numeri di cui bisogna rallegrarsi? In parte sì, perché una crescita in questa misura è senza dubbio un fatto positivo. Ma forse potrebbe essere ancora più alta, se i prezzi degli ebook - in particolare quelli dei grandi gruppi - non fossero così elevati. Troppo vicini a quelli delle edizioni su carta, mentre i costi di produzione sono molto, molto più bassi.

Gli ebook potrebbe dare una mano a risollevare i risicati bilanci degli editori, se fossero venduti a prezzi che il pubblico - in particolare quello dei giovani - è disposto a pagare (vedi L'ebook deve costare come un libro o come un'app?).

Ma fino a quando gli editori non penseranno ai libri come prodotti "liquidi", alle edizioni elettroniche come canale da curare come quello tradizionale e agli ebook come promozione della lettura, saremo sempre qui a strapparci i capelli per i numeri in rosso e per le occasioni perdute, come il mancato adeguamento dei prezzi di copertina alla riduzione delle imposte.

Per dire la tua su questo argomento, vai alla pagina dei contatti di InterLex
Inizio pagina    Indice di questa sezione    Home

© Manlio Cammarata 2015

  Informazioni di legge

Come leggere gli ebook
anche senza un e-reader
Manlio Cammarata - Un doppio enigma, colonnello Rey
Un omicidio in una stanza chiusa. Una storia di spie, traditori e codici segreti. 
Leggi tutto
Le recensioni
ebook  € 2,99 - Acquistalo
Il colonnello Rey - Facebook
Manlio Cammarata - Il colonnello Rey, suppongo
Un giornalista che scompare.
Una "talpa" nel Palazzo.
Un agente segreto senza pistola. 
Leggi tutto
Le recensioni
ebook  € 2,99 - Acquistalo
Manlio Cammarata - Libri liquidi
Dall'edizione di carta al self-publishing elettronico: storia, tecnica e pratica del nuovo modo di leggere, di scrivere e di pubblicare.
Leggi tutto
Le recensioni
ebook € 1,99 - Acquistalo