Archivio 2011-2016

Tabulas - Manlio Cammmarata progetti editoriali


Blog e altro di Manlio Cammarata

Manlio Cammarata progetti editoriali
Lo Zen e l'arte dell'edizione degli ebook
Fare libri elettronici è un mestiere nuovo, anzi antico
Il senso di questo sito

Su di me,
se ti interessa conoscermi
Tutti i miei libri
su carta o in ebook
(1987-2015)

In primo piano
Blog
Self-publishing
Piccolo manuale della buona scrittura
Libri e-libri
Recensioni in 2000 battute
Lingua lessa e cervello fritto
Tabulae del terzo millennio
InterLex Newsletter
Normativa sull'editoria
Indice storico
Contatti
Informazioni su Tabulas
 

 

«Amare i libri, amarli tutti. Compresi quelli fatti di bit e di byte»

Dai libri agli ebook: la lezione di Giancarlo Livraghi

Tabulae del terzo millennio - 03.03.14
"Amare i libri vuol dire amarli tutti. Di carta o di coccio, di panno o di seta, di papiro o di pergamena. Compresi quelli fatti di bit e di byte, conservati in memorie elettroniche, che non meritano di essere più brutti, più scemi e più sgradevoli dei loro fratelli maggiori" (Giancarlo Livraghi, febbraio 2010).
 

Le parole che aprono questa pagina sono state scritte da Giancarlo Livraghi nella primavera di tre anni fa, in un articolo che si intitolava Far morire gli e-book perché possano nascere. Era la risposta al primo pezzo in cui parlavo di ebook, "Il grafico impaginò la propria lapide e spirò", che rifletteva il mio disagio nell'affrontare la trasposizione di un libro di carta in un libro di bit.

Il mio interesse per i libri in formato elettronico era nato anche da un suo precedente articolo, Le malattie infantili degli "e-book", pubblicato sul suo sito, Gandalf, nell'ottobre del 2010. Tre pagine che hanno costituito il primo nucleo di ebook e dintorni, nato come sezione di MCreporter e poi diventato Tabulas-ebook e dintorni.

Sono passati tre anni. Rileggevo gli articoli di Livraghi pochi giorni fa, mentre scrivevo Gli ebook in streaming sono il futuro del libro? e riflettevo sulle tecnologie che cambiano il nostro modo di leggere (anche di vivere), ma senza incidere sulla nostra cultura, sul nostro mondo di idee e di esperienze.
Pensavo di segnalargli l'articolo, come tante altre volte, aspettando la sua replica. Ma, proprio in quelle ore, Giancarlo Livraghi ci lasciava.

Aveva ottantasei anni. Ci mancherà. Perché è stato uno dei "padri fondatori" di InterLex e di Tabulas, ma soprattutto perché non avremo più un punto di riferimento critico sulle cose che scriviamo a proposito di tecnologia e di innovazione.

Nel 1993 aveva concluso la sua esperienza di pubblicitario - di grande pubblicitario - e aveva incominciato a occuparsi attivamente dell'internet e del nuovo mondo della Rete. Da esperto studioso della comunicazione seguiva il cambiamento della società determinato dalle tecnologie e avvertiva i rischi connessi al loro uso "passivo", primo fra tutti quello per la libertà delle idee.

Così ne 1994 aveva fondato ALCEI (Associazione per la Libertà della Comunicazione Elettronica Interattiva, inserendola nel grande movimento mondiale che si batteva e si batte ancora per i diritti dei cittadini della Rete.

***

Ho già scritto all'inizio di questa pagina che il contributo di Livraghi è stato importante per la nascita di questo sito. Oggi riprendo il suo ultimo articolo sull'argomento, Alcune osservazioni sugli ebook, che risale a soli tre mesi fa. Lo riprendo per non far morire una discussione importante. Dobbiamo ricordare come è nata questa innovazione, anche riflettendo sulle idee di un uomo di grande cultura, di un bibliofilo inguaribile, che gli ebook non riusciva proprio ad accettarli.

Giancarlo non riusciva a separare l'idea del "libro", come prodotto della mente, dal "volume" che quel prodotto racchiude. Però ne vedeva l'utilità, sia pure come "complemento" dell'oggetto di carta. Su questo punto, naturalmente, aveva ragione.

Ma il mondo sta cambiando. Le tecnologie digitali portano alla "dematerializzazione" delle informazioni in tutti i campi della conoscenza e delle attività umane. Il libro in formato elettronico, nella sua attuale e forse temporanea forma dell'ebook, è un prodotto della dematerializzazione. Le informazioni non "esistono" più solo se incorporate in un supporto materiale, ma sono bit,  grandezze immateriali, che si "materializzano" solo nel momento in cui sono elaborate da un sistema elettronico e presentate su un mezzo - uno schermo o altro - che consente all'uomo di prenderne conoscenza.

Con la conseguenza che un mio libro può anche non essere posseduto materialmente da me, ma archiviato su una memoria elettronica che si trova chissà dove. E posso leggerlo in qualsiasi momento, dovunque io mi trovi, su qualunque apparecchio adatto, scegliendolo tra cento, mille, un milione di libri. Sarà sempre quel libro, anche se sarà impaginato ogni volta in un modo diverso.

Non potrà andare perduto, bruciarsi, essere rubato. Né diventerà illeggibile nel tempo, perché la tecnologia ha trovato il modo di codificare le informazioni digitali in modo che possano essere sempre lette con qualsiasi apparecchio che l'industria produce oggi o produrrà in futuro.

Giancarlo aveva un'opinione diversa, che oggi è già parte della storia. Per questo è importante rileggere le sue pagine. Perché solo la storia può aiutarci a capire chi siamo e che cosa stiamo facendo. Insomma, se oggi mi occupo di ebook e scrivo certe cose sugli ebook, è perché all'inizio ho potuto riflettere su idee in parte diverse dalle mie.
Idee che erano il frutto di una straordinaria indipendenza di giudizio, di un'onestà  intellettuale che nel mondo di oggi è una qualità scomoda e quindi sempre più rara.

Giancarlo, ci mancherai anche per questo. Non solo per i tuoi contributi sull'internet o sugli ebook, ma per quel tuo senso di rispetto per le persone, per la libertà, per la dignità del sapere. Contro il potere più pericoloso, quello della stupidità.
 

Per dire la tua su questo argomento, vai alla pagina dei contatti di InterLex
Inizio pagina    Indice di questa sezione    Home

© Manlio Cammarata 2014

  Informazioni di legge

Come leggere gli ebook
anche senza un e-reader
Manlio Cammarata - Un doppio enigma, colonnello Rey
Un omicidio in una stanza chiusa. Una storia di spie, traditori e codici segreti. 
Leggi tutto
Le recensioni
ebook  € 2,99 - Acquistalo
Il colonnello Rey - Facebook
Manlio Cammarata - Il colonnello Rey, suppongo
Un giornalista che scompare.
Una "talpa" nel Palazzo.
Un agente segreto senza pistola. 
Leggi tutto
Le recensioni
ebook  € 2,99 - Acquistalo
Manlio Cammarata - Libri liquidi
Dall'edizione di carta al self-publishing elettronico: storia, tecnica e pratica del nuovo modo di leggere, di scrivere e di pubblicare.
Leggi tutto
Le recensioni
ebook € 1,99 - Acquistalo