Archivio 2011-2016

Tabulas - Manlio Cammmarata progetti editoriali


Blog e altro di Manlio Cammarata

Manlio Cammarata progetti editoriali
Lo Zen e l'arte dell'edizione degli ebook
Fare libri elettronici è un mestiere nuovo, anzi antico
Il senso di questo sito

Su di me,
se ti interessa conoscermi
Tutti i miei libri
su carta o in ebook
(1987-2015)

In primo piano
Blog
Self-publishing
Piccolo manuale della buona scrittura
Libri e-libri
Recensioni in 2000 battute
Lingua lessa e cervello fritto
Tabulae del terzo millennio
InterLex Newsletter
Normativa sull'editoria
Indice storico
Contatti
Informazioni su Tabulas
 

 

Oggi è la Rete l'universo dei libri, anche di quelli stampati

Salone del libro. Forse vado a Torino, ma non so perché

In primo piano - 12 maggio 2015
Tra le scadenze inevitabili di chi lavora con i libri c'è il Salone internazionale del libro, a Torino. In maggio, da ventotto anni.  Il problema è sempre decidere se andarci o no. Se non ci vai non perdi niente, mi dico, perché il Salone è sempre lo stesso. Ci sono sempre più "cose", tante cose da seguire che non riesci a seguirne nessuna.

L'anno scorso non ci sono andato (vedi Quest'anno non ero a Torino. Mi sono perso qualcosa?). Potrei evitarlo, anche perché quello che c'è nel Salone c'è anche online, in un modo o nell'altro. No, non vale la pena di andarci, come non vale più la pena di andare in libreria. Il librai, quelli veri, non ci sono più, o quasi. Ci sono le grandi librerie "di catena", con troppi libri (ma non quello che vuoi comperare - glielo ordino?).

Il Web è il Grande Libraio. Trovi tutti i libri che cerchi, e anche quelli che non cerchi. Stampati, te li mandano a casa in ventiquattr'ore. Oppure in ebook, che li leggi subito. E sei vuoi sapere che cosa ne pensano quelli che li hanno già letti, ti basta navigare un po'. Impari subito a riconoscere le recensioni vere da quelle fasulle.

Da un po' di tempo il mio libraio si chiama Amazon. Ma Amazon non è il grande nemico dei libri? (vedi «Amazon distruggerà i libri». E gli agenti letterari?).
E' vero che Amazon è diventato l'intermediario più forte tra scrittori e pubblico. Se un libro non è su Amazon, non esiste. Amazon è uno dei grandi "padroni" del mondo e delle idee, come Google, come Apple, come le grandi multinazionali del cibo e dei farmaci. Saperlo è importante. Per questo bisogna dirlo, anche se non possiamo farci nulla.

Di fatto Amazon guida le scelte di milioni di lettori, come il libraio di una volta consigliava qualche decina di clienti fedeli e fiduciosi. Ma alla ditta di Jeff Bezos  della lettura, della cultura, non importa nulla. E' mossa solo da strategie e tecniche commerciali, come gli altri padroni del mondo e delle idee. Questo è un problema, ma non per chi sa orientarsi nel mondo dei libri.

Sì, Amazon è il mio libraio. Ogni giorno mi "consiglia" con una email tre o più ebook a prezzi scontati. Con un clic posso leggere le prime pagine di ogni libro e, se mi piace, comperarlo con un altro clic. Ma non capita tutti i giorni. Tante volte chiudo l'estratto con un clic di delusione. Spesso non vado neanche a vedere l'estratto.

Ma è meglio che sfogliare il libri sui banchi di una libreria tradizionale, dove non potrei andare ogni giorno, tutti i giorni dell'anno. Con il problema del parcheggio, fra l'altro. Oggi, senza spostarmi dalla sedia, compero più libri di una volta, anche se so che non li leggerò tutti. Come facevo un tempo con i libri di carta. Ma gli ebook non hanno bisogno di uno spazio per perdersi sugli scaffali stracolmi.

Sono anche molto più facili da trovare: basta metterli in ordine per titolo, per autore o per data di lettura, con pochi colpi di dito. E se non trovo quello che cerco sul dispositivo che sto usando, poco male: Amazon me li conserva tutti e me li manda di nuovo in pochi secondi.
Davvero, i libri stampati saranno belli, come i dischi in vinile (e prima ancora quelli in gommalacca). Ma un CD o un MP3 da acquistare on line sono molto più pratici.

Dunque in questo mondo dematerializzato non ha molto senso sobbarcarsi la fatica di andare a visitare un Salone del libro. Con le persone che vorrei incontrare posso avere uno scambio di email. Posso discutere con loro sui social. E' meglio che affrontare la bolgia del Salone.

Allora ho deciso: vado a Torino. Ma non so perché. Forse solo per la curiosità di vedere se il mondo del libro ha capito di non essere più quello dei libri stampati. Ne parliamo al ritorno.

Inizio pagina    Indice di questa sezione    Home

© Manlio Cammarata 2015

  Informazioni di legge

Come leggere gli ebook
anche senza un e-reader
Manlio Cammarata - Un doppio enigma, colonnello Rey
Un omicidio in una stanza chiusa. Una storia di spie, traditori e codici segreti. 
Leggi tutto
Le recensioni
ebook  € 2,99 - Acquistalo
Il colonnello Rey - Facebook
Manlio Cammarata - Il colonnello Rey, suppongo
Un giornalista che scompare.
Una "talpa" nel Palazzo.
Un agente segreto senza pistola. 
Leggi tutto
Le recensioni
ebook  € 2,99 - Acquistalo
Manlio Cammarata - Libri liquidi
Dall'edizione di carta al self-publishing elettronico: storia, tecnica e pratica del nuovo modo di leggere, di scrivere e di pubblicare.
Leggi tutto
Le recensioni
ebook € 1,99 - Acquistalo