Archivio 2011-2016

Tabulas - Manlio Cammmarata progetti editoriali


Blog e altro di Manlio Cammarata

Manlio Cammarata progetti editoriali
Lo Zen e l'arte dell'edizione degli ebook
Fare libri elettronici è un mestiere nuovo, anzi antico
Il senso di questo sito

Su di me,
se ti interessa conoscermi
Tutti i miei libri
su carta o in ebook
(1987-2015)

In primo piano
Blog
Self-publishing
Piccolo manuale della buona scrittura
Libri e-libri
Recensioni in 2000 battute
Lingua lessa e cervello fritto
Tabulae del terzo millennio
InterLex Newsletter
Normativa sull'editoria
Indice storico
Contatti
Informazioni su Tabulas
 

 

La distribuzione digitale dei film indica la strada per i libri

Il futuro dei volumi di carta  è fatto anche di bit

In primo piano - 23 aprile 2014
I vecchi proiettori parcheggiati all'ingresso di tante sale cinematografiche sono il segno del cambiamento dei media: la pellicola è scomparsa, il cinema è tutto digitale. E sarà "più cinema" di prima. E' questo anche il futuro del libro?

Per rispondere alla domanda - che va ben oltre l'ormai stantia polemica sulla sopravvivenza del libro di carta - è necessario fare i conti con la realtà.
La realtà è che dall'inizio di quest'anno in Italia i film commerciali non sono più distribuiti come "pizze" di pellicola. I gestori delle sale ricevono un particolare hard disk che contiene il film e lo riversano sul server. Il proiettore è solo elettronico.

Noi spettatori ci accorgiamo soprattutto della straordinaria qualità dell'immagine (a quella del suono siamo abituati da diversi anni). Ma la novità sostanziale è nella nuova "filiera" del cinema di intrattenimento: la maggior parte dei registi ha abbandonato la pellicola, riconoscendo che girare in digitale apre più vaste possibilità espressive; per i produttori i costi si abbattono. E la post-produzione è ormai tutta elettronica.

Ora il ciclo si completa  con la distribuzione dei bit al posto delle pellicole.
In termini di costi e tempi di commercializzazione il vantaggio è enorme. Basti pensare al fatto che non è più necessario prevedere il numero di copie che dovranno essere stampate (a caro prezzo), con il rischio che il prodotto si riveli un flop. O che sia necessario stamparne altre per il deterioramento di quelle in circolazione.

Il prossimo sviluppo è la trasmissione dei film via cavo o via satellite. Il sistema è già attivo in un certo numero di sale. Quando la trasformazione sarà compiuta, non ci saranno più supporti materiali in circolazione. Solo flussi di bit. 

Una nuova prospettiva si apre dal momento in cui la sala cinematografica è collegata in tempo reale al resto del mondo: il cinema in diretta o, se preferite, la "diretta" al cinema. Pensiamo all'effetto di una importante partita di calcio, o di una gara di formula 1, su uno schermo di diversi metri, in definizione 4K: al confronto, il più grande televisore domestico fa una misera figura.

Dunque le sale cinematografiche, che tante volte sono state date per spacciate, possono vivere in una nuova prospettiva, grazie alla distribuzione digitale. Possono ritornare un luogo di aggregazione sociale, come lo furono settant'anni fa i primi televisori installati nei bar. O, in tempi più recenti, i primi bar con la televisione collegata al satellite.

La "dematerializzazione" del cinema ha un altro risvolto interessante. Ci sono autori indipendenti che non trovano distributori, o che preferiscono aggirare i canali commerciali, e rendono disponibili le loro opere sull'internet attraverso Bit Torrent. Self-publishing, insomma, proprio come si fa con gli ebook.

Siamo arrivati al punto. La filiera del libro ha registrato un'evoluzione simile a quella del cinema: la Linotype fa lo stesso effetto dei monumentali proiettori da sala, pezzi da museo anche quando sono ancora in piena efficienza. Gli autori scrivono col personal computer. Tutte le fasi della redazione e dell'impaginazione si compiono con mezzi digitali. In sostanza la produzione del libro è tutta elettronica fino al momento della stampa.

Pensiamo alla fotografia. Certo, ci sono ancora alcuni appassionati che usano macchine a pellicola. Ma il digitale ha aperto prospettive impensabili fino a qualche anno fa. Si deve riflettere sul fatto che ormai tutti hanno almeno una macchina fotografica in tasca, sotto forma di telefono. Mentre la Kodak, il più grande produttore di pellicole, quello che ha "inventato" la fotografia di massa, nel 2011 è arrivato sull'orlo della bancarotta. Il 19 febbraio del 2012 ha portato i libri in tribunale. La casa di Rochester si è salvata, ma non produce più pellicole fotografiche.

Se ora scrivo che l'ebook sta al libro di carta come il cinema digitale sta alla pellicola (o come la musica in streaming sta al disco di gommalacca o di vinile) rischio di prendermi una valanga di insulti: "i bit non hanno profumo e non producono alcun piacevole fruscio".
Ma è la realtà. Il libro di carta sopravvivrà al suo successore elettronico per un tempo abbastanza lungo, perché ha alle spalle una storia più antica e un sedimento culturale più profondo degli altri media.

Anche per i giornali è stato detto e ridetto che le edizioni on line non potevano competere con il piacere della lettura del supporto di carta. La discussione è finita nel momento in cui gli editori si sono accorti che il giornale on line può coprire le perdite delle agonizzanti edizioni tradizionali.

Chi ha orecchie per intendere...

Per dire la tua su questo argomento, vai alla pagina dei contatti di InterLex
Inizio pagina    Indice di questa sezione    Home

© Manlio Cammarata 2014

  Informazioni di legge

Come leggere gli ebook
anche senza un e-reader
Manlio Cammarata - Un doppio enigma, colonnello Rey
Un omicidio in una stanza chiusa. Una storia di spie, traditori e codici segreti. 
Leggi tutto
Le recensioni
ebook  € 2,99 - Acquistalo
Il colonnello Rey - Facebook
Manlio Cammarata - Il colonnello Rey, suppongo
Un giornalista che scompare.
Una "talpa" nel Palazzo.
Un agente segreto senza pistola. 
Leggi tutto
Le recensioni
ebook  € 2,99 - Acquistalo
Manlio Cammarata - Libri liquidi
Dall'edizione di carta al self-publishing elettronico: storia, tecnica e pratica del nuovo modo di leggere, di scrivere e di pubblicare.
Leggi tutto
Le recensioni
ebook € 1,99 - Acquistalo