Archivio 2011-2016

Tabulas - Manlio Cammmarata progetti editoriali


Blog e altro di Manlio Cammarata

Manlio Cammarata progetti editoriali
Lo Zen e l'arte dell'edizione degli ebook
Fare libri elettronici è un mestiere nuovo, anzi antico
Il senso di questo sito

Su di me,
se ti interessa conoscermi
Tutti i miei libri
su carta o in ebook
(1987-2015)

In primo piano
Blog
Self-publishing
Piccolo manuale della buona scrittura
Libri e-libri
Recensioni in 2000 battute
Lingua lessa e cervello fritto
Tabulae del terzo millennio
InterLex Newsletter
Normativa sull'editoria
Indice storico
Contatti
Informazioni su Tabulas
 

 

Non servono le tecnologie per proteggere i diritti

Pirateria? L’unico DRM che funziona è la cultura

In primo piano -  Andrea Monti* - 19.03.12
I "portoghesi" del download non danno alcun valore alle opere che scaricano abusivamente e non le sentono/guardano/leggono neppure. Chi è interessato a un'opera la compera regolarmente.

In cerca di commenti sulla nuova edizione di Spaghetti Hacker mi sono imbattuto in alcuni messaggi pubblicati su un forum di studenti universitari fiorentini, che si scambiano suggerimenti e impressioni sulle loro letture. Parlando - anzi - scrivendo di Spaghetti Hacker, l’utente “Llewlyn” risponde all’utente “Soniko” che forniva indicazioni bibliografiche sul mondo degli smanettoni in questo modo:

> "Spaghetti hacker, l'underground digitale italiano. Storie, tecniche e aspetti giuridici" di S.Chiccarelli e A.Monti Davvero bello e interessante!!
Se ti è piaciuto prova a leggerti "Hackers - Eroi della rivoluzione informatica" di Steven Levy, edz Cyberpunk (credo), è fatto molto bene e inquadra la scena dell'hacking da un punto di vista "globale", molto diverso da ciò che il Monti descrive sulla scena nostrana.

A sua volta, "Soniko" risponde:

> Grazie per l'informazione! Beh, ora finisco di sklerare con calcolatori, finisco "spaghetti" e  me lo compro!!

“finisco “spaghetti” e me lo compro”. Mica “finisco “spaghetti” e me lo scarico”, oppure “qualcuno sa dove trovarlo piratato?”; l’utente “Soniko” considera evidentemente acquistare un libro che gli interessa la cosa più normale del mondo, e non si pone manco per sbaglio il problema di NON pagarlo.

Come scrivo da tempo, dunque, la fruizione “portoghese” di opere protette dal diritto d’autore dipende dal rapporto fra - in questo caso - lettore e valore attribuito all’opera. Se il (potenziale) lettore attribuisce “valore” al libro, lo compra pur potendo averlo copiato - su carta o in digitale.

Con delle specificità che valgono solo per i libri: non si possono mettere in sottofondo e la loro fruizione “dura” ben più dei tre-quattro minuti di un pezzo da hit-parade. Esiste quindi un disincentivo strutturale e culturale nel leggere alla “portoghese”. E per i libri è ancora più falso che impedendo la copia di opere protette non si potrebbe che comprare gli originali.

In altri termini, non è affatto detto che chi copia, non potendo più farlo, sicuramente acquisterebbe l’opera che sta “piratando”. E d’altra parte, basta riflettere sulla bulimia informativa che caratterizza il download di materiale digitale: giga, se non terabyte di musica, film, libri, fotografie e tutto ciò che è digitalizzabile che nessuno, mai, utilizzerà nemmeno se rimanesse attaccato al computer ventiquattro ore al giorno per tutta la vita, ascoltando musica con un film proiettato su un angolo dello schermo, un ebook dall’altro lato e uno slideshow di immagini in basso.

L’esempio dello studente fiorentino - che ovviamente ha un valore puramente empirico - è però la dimostrazione che la migliore forma di protezione della cultura è la cultura stessa. Una persona sensibile al valore di un’opera, semplicemente, non si pone il problema di copiarla abusivamente. E chi copia abusivamente non pagherà mai ciò che sta leggendo/ascoltando/vedendo.

Dunque, nel mercato dei libri liquidi, l’unica forma di DRM che realmente può funzionare è dare fiducia ai lettori, accettando il fatto che un certo numero di persone approfitteranno ingiustamente di un atto di fiducia nei confronti di persone in buona fede.

E, tanto per dimostrare che non si tratta solo di teorie, da editore ho scelto di pubblicare gli ebook sui quali ho i diritti senza nessun DRM, nemmeno di tipo “social”. Perché ritengo più corretto agevolare i lettori onesti piuttosto che danneggiare la loro esperienza di lettura con orpelli tecnologici che li trasformano - loro malgrado - in delinquenti presunti.

* Monti&Ambrosini Editori

Per dire la tua su questo argomento, vai alla pagina dei contatti di InterLex
Inizio pagina    Indice di questa sezione    Home

© Manlio Cammarata 2014

  Informazioni di legge

Come leggere gli ebook
anche senza un e-reader
Manlio Cammarata - Un doppio enigma, colonnello Rey
Un omicidio in una stanza chiusa. Una storia di spie, traditori e codici segreti. 
Leggi tutto
Le recensioni
ebook  € 2,99 - Acquistalo
Il colonnello Rey - Facebook
Manlio Cammarata - Il colonnello Rey, suppongo
Un giornalista che scompare.
Una "talpa" nel Palazzo.
Un agente segreto senza pistola. 
Leggi tutto
Le recensioni
ebook  € 2,99 - Acquistalo
Manlio Cammarata - Libri liquidi
Dall'edizione di carta al self-publishing elettronico: storia, tecnica e pratica del nuovo modo di leggere, di scrivere e di pubblicare.
Leggi tutto
Le recensioni
ebook € 1,99 - Acquistalo